Tromba d`aria a Vallā di Riese.


Postato da: Utente Registrato il 06-10-2009. Visto 2424 volte.


Dati da oggitreviso.it  8 giugno 2009:



Centinaia di persone si ritrovano senza casa. Una donna ricoverata in gravi condizioni a Treviso






Riese
Pio X – Scene da terremoto a Vallā di Riese. Nel paese si contano i
danni per la tromba d’aria che ieri ha colpito il paese lasciando
dietro di sé distruzione e 23 feriti.


Uno di questi, una donna di 61 anni che stava facendo jogging ed č
stata investita da un pilone di cemento, si trova ancora ricoverata al
Ca’ Foncello di Treviso in condizioni particolarmente gravi. Grave
anche un ragazzo di 23 anni finito dentro un fosso spinto dal vento. Si
calcolano circa 500 persone che si ritrovano con la casa seriamente
danneggiata.


Gli sofllati sono stati ospitati nella palestra di Riese, in
strutture religiose e in alberghi della zona. L’inferno si č scatenato
ieri pomeriggio intorno alle 14,30.


Sono oltre 200 gli edifici seriamente danneggiati: case e capannoni
completamente scoperchiati. Alcuni di questi sono completamente franati.


Una palestra, la Heavy Metal, si č letteralmente accartocciata su se
stessa: le pareti e il tetto dell’edificio sono venuti gių come se
fossero di carta. Sotto c’erano circa dieci persone e solo per miracolo
non ci sono state vittime. Sono riuscite a fuggire fuori e a mettersi
in salvo. Un paio sono rimaste ferite.



Lo scenario era apocalittico. Le raffiche di vento andavano a 120
chilometri l’ora, scagliando in aria di tutto: pezzi di case e
quant’altro. Decine le automobili rimaste schiacciate sotto il peso dei
detriti.


La circolazione č andata completamente in tilt. Le strade che
conducono a Vallā sono state vietate al transito per molte ore e anche
a chilometri di distanza il traffico č stato bloccato. Niente gas e
niente energia elettrica in tutto il paese per ore. Sono vissuti lunghi
minuti di paura.


Una donna insieme ai suoi figli di 12 e 15 anni č rimasta
intrappolata sotto le macerie di casa sua: sono ricoverati in ospedale,
ma per fortuna non sono feriti gravemente. Un uomo č riuscito a stento
a trattenere i figli che il vento gli stava strappando dalle braccia.


Diversi piloni dell’alta tensione si sono accartocciati su se stessi. Le coltivazioni sono andate completamente distrutte.


Poco dopo il disastro, in municipio a Riese č stata allestita
un’unitā di crisi. La macchina dei soccorsi si č mossa velocemente e in
poco tempo a Vallā di Riese si sono riversate centinaia di uomini,
vigili del fuoco, sanitari del 118, carabinieri, vigili, protezione
civile.



Anche su YOUTUBE
con i Los Massadores










i Los Massadores comunicano che non sarā possibile distribuire le
copie del cd "JOANI" per la raccolta fondi destinata alla popolazione
di Vallā, in quanto gli Editori della Canzone "Domani" - brano
originale- , non hanno concesso l'autorizzazione per l'elaborazione del
testo del brano.
Senza questa autorizzazione, la SIAE , societā
italiana degli autori ed editori, non puō rilasciare i bollini per la
vendita dei cd.
Venderli senza bollino vorrebbe dire andare incontro a plagio e quindi a sanzioni molto salate.

Come
gruppo musicale continueremo a suonare live vendendo magliette e
raccogliendo offerte il cui ricavato andrā interamente in beneficienza
per il nostro paese.

Vi ricordiamo comunque che č ancora attivo il conto corrente proVallā

C/C bancario:000040435241 ABI 02008 cab 12011
UNICREDIT BANCA S.p.A. Piazzetta Aldo Moro
31100 TREVISO
Cod.IBAN: IT02A0200812011000040435241
intestato a "Provincia di Treviso"
indicando come causale del versamento "Emergenza Vallā"




Vi ringraziamo per tutto il sostegno...vi aspettiamo numerosissimi nostri concerti




un abbraccio
Los Massadores

Testo:
Tra e Ca' Miane e i Bassi passa i fossi de tutti
El soe batte sui sassi ze tutto pien de ruinassi
Cossa farō Joani
Cossa farō
Iero so lorto bearare i sucati
Do tunedae a tre boti me ga fato sigare
Sara e finestre
Ze qua el temporae
Dei dei,vaeā vaeā
Sara lč qua
Dei dei,vaeā vaeā
Sara lč qua
Ma Joani Joani,sarae e go sarae
Mi querdo a saeata e chee do gombine
Varda che lč bruto
Maria vergine
Dai vien dentroJoani
---Joani lč qua Joani lč qua
a
so ndato uncō oto a tore el querto pal barco,go tolto finto copo ghe go
speso un boto,o go invidā sui travi coe vide sui toeoni, ma col dise de
cavarlo no ghi né par nessuni
No go gnanca mai visto un affare cussė
Meti aposto Joani

Se te passi ae rubee,varda dentro pai fossi
Ghe ze legne che basta pa far fogo do ani
Cossa farō Joani
Cossa farō
Ma Joani Joani,cori suitto vien qua
El ga rabaltā tutti i fruttari
El parea el demonio
Sacramenton
Varda quanti maeani

Iero dentro al garage a copare i poeastri
Tempo do minuti el ga fatto disastri
Senti el can come chel sbaja
Lč el tempo canaja
Go vardā verso sera,na bufera de paja
Tutta a puenta par tera,eco fata a fortaja
Butto locio dentro a greppia
Vedo a testa dea bestia
E caponare dei cunici
Fulminae dai tralicci
Cossa zei sti tralicci
Pai dea luce,pai dea luce
Mestieri, trapei,rujame,forconi
Come fasso torli su
Vo ciamare anca Tony
Amianto,querti,toeoni,copertoni
Come fasso torli su
Vo ciamare anca Tony
Dai va ciamare Tony el ga anca lu i so danni
Dai va ciamare Tony ghe ze scampā anca i tori
Dai va ciamare Tony che i vegni in do coi furgoni
Dai va ciamare Tony

Ma Joani Joani,Joani o so
O so che ze brutto e fadiga
Ghe ze anca a crisi,ma forse i me juta
Intanto spendi,Joani
Ma Joani Joani,Joani o so
O so che ze brutto e fadiga
Ghe ze anca a crisi,pa farla compia
Intanto spendi,Joani








Inserito in : news, varie,






Commenti

Seguici su Facebook