FFESTIVAL DELLA CANZONE EUROPEA DEI BAMBINI


Tipologia:

Concerto

Quando:

Dal 21 Maggio 2016 al 22 Maggio 2016

Dove:

A ALTOPIANO DI PINE’ TRENTO in provincia di ITALIA

Descrizione:

FFESTIVAL DELLA CANZONE EUROPEA DEI BAMBINI: SULL’ALTOPIANO DI PINE’ – TRENTO IL PRIMO FESTIVAL INTERAMENTE REALIZZATO DAI BIMBI PER I BIMBI

 

Sono 200 e hanno meno di 11 anni provenienti da tutta Italia e non solo, hanno scritto i testi di 10 canzoni, che gli adulti (e non adulti qualsiasi: Al Bano, Toto Cutugno, Alterisio Paoletti e molti altri) hanno contribuito a tradurre in musica, e ora, divenuti canzoni, li canteranno (i 30 “professionisti” del Coro Piccole Colonne, tutti under 13) all’Ice Rink di Baselga il 21 e 22 maggio durante uno spettacolo davvero degno di questo nome. Sì, perché non mancherà una curatissima coreografia, anche questa rigorosamente realizzata da piccole mani.

 

Tra le 10 canzoni, risultate le migliori durante il concorso “Un Testo per noi” che precede il Festival, una è dedicata al tema dell’acqua e, grazie alla collaborazione del Gruppo Alcuni – che nei giorni scorsi ha presentato a Cannes il lungometraggio “Leonardo - , è diventata un brillante cartoon.

 

Presenterà Lorenzo Brachetti, il folletto Milo Cotogno della Melevisione – Ray Yoyo, ma la scena, già lo si è capito, la domineranno i più piccini.

 

Tutto è pronto per il Festival della Canzone europea dei Bambini, momento conclusivo della XIII edizione del concorso “Un Testo per noi”, indetto dall’Associazione Coro Piccole Colonne e rivolto a tutte le classi primarie d’Italia e del mondo (purché in esse si studi l’italiano). L’evento, che vedrà il coinvolgimento di oltre 250 ragazzi under 11, è strutturato in due spettacoli e si svolgerà sabato 21 (alle 20,30) e domenica 22 maggio (alle 15.30) all’Ice Rink di Baselga di Piné, sull’Altopiano di Piné (Trento). Presentatore di quest’anno sarà Lorenzo Branchetti, noto ai più piccini come il simpatico folletto Milo Cotogno, protagonista dello storico programma “Melevisione” in onda su Rai Yoyo.

Il bando di “Un Testo per noi” ha invitato i bambini a ideare e comporre, con la guida del proprio insegnante, le parole di una canzone: i dieci componimenti selezionati dalla giuria* tra gli oltre 200 testi partecipanti, sono stati realizzati da classi provenienti da tutta Italia e una anche dalla Croazia, musicati da grandi artisti del panorama musicale nazionale e, infine, dopo essere stati raccolti in un CD appena uscito, saranno cantati durante le due giornate del festival dal Coro Piccole Colonne, composto da una trentina di bimbi tra i 5 e i 13 anni. Durante la due giorni del festival le classi inoltre, che hanno preparato costumi e scenografie, avranno il compito di animare la propria canzone.

 

I bambini hanno dunque scritto i testi delle canzoni, li canteranno e ne ideeranno e realizzeranno le coreografie: per questo il Festival della Canzone europea dei Bambini è il primo evento realizzato dai bimbi per i bimbi, dove tutto è a loro misura.

 

Le canzoni. Tante le novità quest’anno, a partire dall’introduzione del premio per il testo più significativo dedicato al tema dell’acqua, nato dalla collaborazione instaurata tra Piccole Colonne e Gruppo Alcuni (i creatori del cartoon “Cuccioli” in onda su Rai Due e Rai Yoyo), che ha ideato e promuove il progetto Acqua H2Ooooh! con UNESCO Venice Office.

Le parole dei giovani studenti sono state tradotte in musica da artisti di prim’ordine della scena musicale nazionale: l’amatissimo cantante Al Bano ha musicato il testo di una classe della sua terra “Il girotondo delle sillabe” (classe I dell’istituto comprensivo “Dante Alighieri” di San Donaci – Brindisi), il cantuatore emblema della melodia italiana nel mondo Toto Cutugno si è occupato di “Aiuto, che paura!” della classe IV A della scuola primaria “Gianni Rodari” di Robbiate - Lecco, il compositore veneziano Maurizio Piccoli ha reso in note “Calzini a gogò” della classe II della scuola primaria italiana “Galileo Galilei” di Umago – Croazia, il cantautore Franco Fasano ha aiutato classe IV A della scuola primaria “Giuseppe Dalla Fior” di Baselga di Pine’ – Trento con “Ombrelli o cervelli?”, il trombonista Sandro Comini ha arrangiato e musicato “Il mio amico divano” scritto dalla classe III della scuola primaria “Monforte” di Monforte d’Alba – Cuneo, il maestro, arrangiatore, compositore e direttore d’orchestra Alterisio Paoletti, il musicista Paolo Baldan Bembo ha scritto la musica de “La danza del mal di panza” della classe I A della scuola primaria “Elisabetta Vendramini” di Pordenone, la direttrice del Coro Piccole Colonne e direttrice artistica del Festival Adalberta Brunelli si è dedicata a “Pizza cha cha cha” della classe IV della scuola primaria “Casa del Fanciullo” di Piacenza e Sergio Manfio, direttore artistico del Gruppo Alcuni, ha musicato “Chi spreca l’acqua è matto” della classe IV della Scuola primaria San Francesco Saverio di Sarno – Salerno. Quest’ultimo brano è diventato anche un cartoon realizzato dalla casa di produzione Gruppo Alcuni con i character dei loro cartoni animati e sarà presentato nel corso del Festival.

 

Riconoscimenti e premi speciali. Tutte le classi premiate sono vincitrici a pari merito e riceveranno, oltre all’ospitalità a spese dell’organizzazione il 21 e 22 maggio, anche il il Trofeo “Un Testo per noi”.

Durante le due giornate a Baselga di Piné verranno assegnati anche premi speciali: il Premio Mariele Ventre, il Premio Il Giornalino, il premio ATP Altopiano di Piné e il premio Comune di Baselga di Piné, il Premio Federazione Cori del Trentino (quest’ultimo premio viene assegnato al musicista che più ha valorizzato, nella stesura del brano, la formazione corale).

 

Gli obiettivi del concorso e del festival. Il Festival condivide i medesimi fini del concorso, ossia coinvolgere gli alunni della scuola primaria in un progetto (il testo di una canzone) da realizzare in gruppo con la guida del proprio insegnante, avvicinare i bambini alla musica in modo creativo, creare nuove canzoni per l’infanzia che costituiscano un efficace mezzo di comunicazione permanente, promuovere la dimensione europea creando occasioni di dialogo interculturale fra coloro che diverranno i cittadini di domani e contribuire alla diffusione della lingua italiana (per regolamento i testi elaborati all`estero infatti devono contenere almeno una parte in italiano).

Durante il Festival il protagonista è solo ed unicamente il bambino, attraverso tre forme espressive diverse: la creatività (i testi delle canzoni sono "inventati dai bambini" e frutto di un lavoro scolastico di gruppo), la vocalità (le canzoni vengono cantate dai bambini del coro Piccole Colonne), l’espressione corporea (alle classi vincitrici spetta anche il compito di "animare" la propria canzone vestite a tema).

Il Festival è realizzato in collaborazione con il Comune di Piné, l`Apt Altopiano di Piné e Valle di Cembra, l`Ice Rink Piné, la Provincia Autonoma di Trento e la Regione Trentino Alto-Adige.

 

*La giuria è composta da: Stefano Gorla, direttore de Il Giornalino – Milano; Maria Antonietta Ventre, presidente della Fondazione Mariele Ventre – Bologna; Lodovica Cima, scrittrice, docente, esperta in letteratura per l’infanzia – Milano;

Luciano Anesi, presidente Associazione Coro Piccole Colonne – Trento; Adalberta Brunelli, musicista, insegnante Piccole Colonne e responsabile artistica del progetto – Trento; Sergio Manfio – Gruppo Alcuni – Treviso.                                                

 

Per maggiori informazioni:

www.piccolecolonne.it | http://festival.piccolecolonne.it

Anche su YouTube e Facebook




Evento visitato 532 volte, inserito il 19/05/2016 da Utente Registrato


Commenti

Cerca Eventi

Seguici su Facebook