“STAGIONE PRIMA”, AL FERRARI IL TEATRO È PER TUTTI

Tipologia:



Quando:

Dal 24 Ottobre 2016 al 26 Aprile 2017

Dove:

A Camposampiero in provincia di PADOVA

Descrizione:

Prima stagione della gestione quinquennale affidata dal Comune al Centro di produzione Teatrale La Piccionaia
“STAGIONE PRIMA”, AL FERRARI IL TEATRO È PER TUTTI
Dal 23 ottobre al 26 aprile, spettacoli serali di teatro e musica, la domenica pomeriggio per bambini e famiglie e la mattina per le scuole. In più una sezione dedicata al musical, curata da Mouge, e una serie di progetti speciali in costruzione incentrati sul patrimonio culturale del territorio.
 
 
Si alza il sipario del Teatri Ferrari: è al via “STAGIONE PRIMA – IL TEATRO PER TUTTI”, il cartellone 2016/17 che tra prosa, musical, concerti, spettacoli per famiglie e per le scuole e progetti speciali nel territorio promette di coinvolgere il pubblico con proposte caratterizzate da una molteplicità di linguaggi e contenuti, per tutte le età e per tutti i gusti.
 
“STAGIONE PRIMA – IL TEATRO PER TUTTI” è curato da La Piccionaia Centro di Produzione Teatrale per il Comune di Camposampiero, con il sostegno diFondazione Antonveneta e in collaborazione con Associazione Culturale MougePremio Camposampiero di Poesia Religiosa.
 
Il programma è stato presentato oggi nel corso di una conferenza stampa nella sala consigliare del Municipio di Camposampiero, a cui sono intervenuti la Consigliera Lorenza Maria Baggio, per La Piccionaia Centro di Produzione Teatraleil Direttore generale Pierluigi Cecchin e la Curatrice artistica Nina Zanotelli, perFondazione Antonveneta il Direttore generale Bruno Bianchi e per Associazione Culturale Mouge il Presidente Cesare Bortolotto.
 
“Camposampiero ha finalmente il suo teatro – ha commentato in rappresentanza dell`amministrazione cittadina la consigliera Lorenza Maria Baggio -. Grazie all’iniziativa delle associazioni locali e al coordinamento dell`Assessorato alla Cultura, il nostro è un territorio da sempre molto vivace dal punto di vista delle proposte culturali. Da oggi parte un’avventura nuova, che ha tre caratteristiche ben precise. Innanzitutto è un progetto professionale, che sarà per questo anche occasione di confronto e crescita per le molte iniziative amatoriali del nostro comune. In secondo luogo, è importante la continuità della proposta, che nel tempo non coinvolgerà solo gruppi specifici, ma l’intera cittadinanza. Infine, ha per linea guida la territorialità: l’obiettivo cioè di valorizzare le grandi potenzialità, spesso ancora nascoste, del nostro territorio, anche in termini di economia culturale - e per questo ringrazio la sensibilità e il sostegno della Fondazione Antonveneta - sviluppando sinergie in primo luogo con sue le eccellenze imprenditoriali e con un polo scolastico che raccoglie ben 1700 studenti. Dopo un lungo processo di assegnazione, siamo felici di aver affidato a La Piccionaia, unitamente al contributo artistico offerto da Mouge, il compito di aiutarci in questa sfida, per dare al progetto del Teatro Ferrari la giusta collocazione all’insegna non della competizione ma della collaborazione”.
 

“Il nostro ringraziamento va in primo luogo a tutta l’Amministrazione Comunale – ha dichiarato Pierluigi Cecchin - ma anche a tutti i soggetti con cui stiamo sviluppando relazioni e protocolli d’intesa per costruire insieme l’identità di questo teatro. A partire dalla condivisione di un’idea ambiziosa, soprattutto per un progetto che è oggi al suo inizio assoluto: quella di un teatro che sia per tutti. Per questo occorre seminare, e farlo tenendo in massima considerazione la qualità artistica di ciò che facciamo e di ciò che proponiamo. Una sfida che ci vede non solo impegnati a programmare un teatro, ma anche a costruire collaborazioni importanti - prima fra tutte quella con Fondazione Antonveneta - insieme alle quali connettersi ai percorsi che stanno attraversando il camposampierese, a cominciare dal Centro interdipartimentale di Ricerca e Servizi Giorgio Lago dell’Università di Padova”.
 
“Anche a nome del Presidente Mario Carraro – ha aggiunto il Direttore della Fondazione Antonveneta Bruno Bianchi -, voglio esprimere la nostra soddisfazione per essere arrivati a concretizzare il percorso di lavoro condiviso con La Piccionaia, l’Università di Padova, il CIRN Giorgio Lago e la Federazione dei Comuni del Camposampierese: un percorso che parte dalla programmazione del Teatro Ferrari per estendersi a un ragionamento più ampio in termini di territorialità. Infatti, da un lato, grazie alle iniziative della scorsa primavera, inserite nelle celebrazioni del “Giugno Antoniano 2016”, è nata una forte connessione con la città di Padova e la Basilica del Santo, che si consoliderà ulteriormente negli anni a venire. Dall’altro, poiché Camposampiero è al centro di un distretto amministrativo che è tra gli esempi più efficaci di tutta Italia, l’auspicio è che questo distretto industriale così rilevante assuma una comune identità culturale. In tal senso si sta definendo un percorso pluriennale di progettazione culturale che possa unire diversi soggetti operanti sul territorio, dando così luogo anche ad un distretto culturale di significativa valenza”.
 
Sei mesi di programmazione, 4 sezioni – Sognando Broadway, Teatro e Musica, Famiglie, Scuole –, una serie di progetti speciali, 20 titoli e 27 repliche totali: dopo gli eventi inaugurali della scorsa primavera, il Teatro Ferrari entra dunque nel vivo della gestione quinquennale de La Piccionaia con una proposta che dal 23 ottobre al 26 aprile porterà in scena un calendario di appuntamenti che spazieranno dal teatro giovane e contemporaneo alla commedia dell’arte, passando per musica, comicità e circo-teatro, senza dimenticare il teatro dedicato ai bambini e un progetto work in progress incentrato sull’identità del territorio.
 
“Dal punto di vista della programmazione abbiamo costruito un calendario composito e a nostro avviso molto interessante – ha commentato Nina Zanotelli - che declina al suo interno l’esigenza di instaurare una forte relazione di scambio con i soggetti culturali attivi nel territorio, come abbiamo fatto con Mouge per la sezione musical, o con il Premio di Poesia Religiosa di Camposampiero che porta quest’anno al teatro Ferrari lo spettacolo di maggior richiamo del suo programma, o ancora con l’Istituto comprensivo di Camposampiero con cui abbiamo costruito le proposte per le scuole. Un teatro innovativo ma anche popolare, capace di spettacolo ma anche di riflessione. Con un’attenzione particolare per le nuove generazioni, dai bambini, agli studenti, ai giovani, che sono e saranno la linfa del teatro”.
 
Il programma serale si inaugura sabato 29 ottobre con il primo appuntamento della sezione “SOGNANDO BROADWAY”, la prima rassegna teatrale veneta interamente dedicata al musical, nata nel 2011 da un’idea di Cesare Bortolotto, regista e direttore artistico della storica compagnia padovana Mouge. Sei gli spettacoli in programma (tutti alle ore 21) che verranno votati da una giuria di esperti e dal pubblico in sala, per assegnare al termine nella stagione il premio al miglior musical amatoriale dell’anno. Ad aprire le danze sarà proprio Mouge, che con i suoi 30 elementi tra cantanti e ballerini porterà in scena “COS’HAI COMBINATO, SOPHIE!”, uno scoppiettante spettacolo musicale, interamente cantato e suonato dal vivo. A seguire, il 26 novembre, sarà la volta del nuovo, travolgente spettacolo della compagnia vincitrice dell’edizione 2014 del concorso: i bresciani DreaMusical, che saliranno sul palco con il loro“FRANKENSTEIN DAS MUZIKAL” ispirato ad un cult del cinema, l’esilarante “Frankenstein Jr” di Mel Brooks. Arriveranno invece dalla Valle dell’Agno le Voci in affitto ad inaugurare il 2017 con “I WANNA ROCK”, in programma per il 28 gennaio, ispirato al film “Rock of Ages”. Quarto appuntamento il 25 febbraio, con i veronesi ABC (Attori Ballerini Cantanti), che dopo 3 anni di lavoro presenteranno il loro primo spettacolo originale, “IL GATTO CON GLI STIVALI”, di cui firmano testi, musiche e balletti. A seguire, il 25 marzo La cittadella del musical, compagnia nata nel 2014 e costituita da una ventina di membri provenienti dalle province di Padova, Treviso e Vicenza, proporrà il suo spettacolo d’esordio “SUPERSTAR”: versione italiana tratta dal celebre “Jesus Christ Superstar” con le immortali musiche di A. L. Webber, che da 40 anni racconta sui palchi di tutto il mondo gli ultimi giorni della vita di Gesù in una chiave non convenzionale e, soprattutto, molto rock. Infine, a chiudere la rassegna il 22 aprile, prima della premiazione, sarà ancora Mouge che presenterà “UNA STAR IN CONVENTO”, spettacolo musicale liberamente ispirato al film “Sister Act” e interamente suonato dal vivo.
 
“É la 6° edizione di questa rassegna-concorso, che si sposta quest’anno da Albignasego a Camposampiero – ha spiegato Cesare Bortolotto - e anziché per i tradizionali 2 mesi si svilupperà da qui a primavera. Con un occhio di riguardo per la collocazione temporale: non è infatti un caso se a Carnevale vi aspetteremo con ‘Il gatto con gli stivali’, particolarmente adatto anche ai più piccoli, mentre nel periodo pasquale vi proporremo ‘Superstar’. Siamo al via di una stagione che ci emoziona, anche perché nostro sarà il compito di aprire la programmazione serale del Teatro Ferrari. Lo faremo col primo dei due spettacoli di Mouge, entrambi fuori concorso: uno ad aprire il progetto e a presentare gli i 4 musical in concorso, l’altro a chiudere e ad accompagnare le premiazioni”.
 
Sarà invece composta da 5 titoli la sezione di prosa e musica: cinque spettacoli dal linguaggio fresco, divertente e popolare, che spazia tra il concerto e il teatro intelligente e innovativo delle giovani generazioni. Si partirà proprio con la musica, il 3 dicembre, con l’Orchestra Popolare delle Dolomiti: un ricco ensemble - 22 musicisti provenienti dal Veneto, dal Trentino e dall’Alto Adige-Südtirol - con un repertorio di oltre 100 brani della tradizione dolomitica e alpina ritrovati in un antico manoscritto del Cadore, dai quali è nato “CONCIER DI TESTA”, un live che fin dal titolo evoca tutto il fascino di un patrimonio musicale inedito. Con l’anno nuovo si entra invece nel vivo della scena teatrale contemporanea: il 21 gennaiosaliranno infatti sul palco i Fratelli Dalla Via, originari di Tonezza del Cimone sulle montagne vicentine e divenuti ormai una delle realtà più affermate del teatro giovane italiano. Marta e Diego presenteranno il loro “PICCOLO MONDO ALPINO”, vincitore del Premio Kantor nel 2010 e del Premio speciale della giuria Oltrelaparola nel 2011: un ritratto della montagna al tempo stesso ironico e cinico che passa per il racconto di un piccolo comprensorio sciistico e dell’umanità che lo popola. Spazio al teatro popolare e alla commedia dell’arte con una delle compagnie giovani più apprezzate a livello nazionale, i tosco-veneti diStivalaccio Teatro, che il 17 febbraio porteranno in scena “ROMEO E GIULIETTA. L’AMORE È SALTIMBANCO”: un’irresistibile versione della celeberrima storia del Bardo che mescolerà trame e dialetti, canti e improvvisazioni, duelli e pantomime. Il teatro incontrerà ancora la musica, ma in una veste del tutto originale, l’11 marzo con la geniale comicità dei Sacchi di Sabbia: la compagnia toscana vincitrice nel 2008 del Premio Ubu – l’equivalente dell’Oscar per il teatro italiano – porterà infatti sul palco “DON GIOVANNI DI W.A. MOZART”: uno spettacolo che è al tempo stesso uno sberleffo e un atto d’amore e che riproporrà la celebre opera interpretandone le arie più famose in chiave “rumoristica”. Gran finale l’8 aprile con il circo-teatro acrobatico della compagnia italo-uruguayana El Grito, con il suo “20 DECIBEL”: uno spettacolo dedicato al pubblico di tutte le età, dai bambini agli adulti, che dal suo debutto a Bruxelles nel 2010 ha collezionato centinaia di repliche in tutta Europa e che fonde danza contemporanea, tecniche circensi, teatro e musica in un universo di acrobazie aeree, danze e giocolerie, beatbox, dj set live, pianoforte e macchine elettroniche.
 
Saranno rivisitazioni originali di alcune tra le più celebri fiabe della tradizione - da Collodi ad Andersen ai Fratelli Grimm – portate in scena da compagnie professioniste i 4 appuntamenti della domenica pomeriggio (ore 15.30) dedicati ai bambini a partire dai 3 anni e alle loro famiglie. Si parte domenica 23 ottobre con un progetto speciale: la mostra-spettacolo “IO SONO PINOCCHIO” di Teatro Evento, un itinerario coinvolgente nelle avventure del burattino più famoso di tutti i tempi attraverso un percorso che unisce il teatro, la musica, i dipinti eseguiti dal vivo e la narrazione di Gianni Franceschini. A seguire, domenica 6 novembre un appuntamento realizzato in collaborazione con la Scuola dell’Infanzia Umberto I nell’ambito del progetto “Non solo i bambini leggono…”: quello con“MIGNOLINA”, lo spettacolo firmato La Piccionaia per la regia di Ketti Grunchiche racconta la storia di una bambina piccola piccola in un mondo grande grande, che sogna un luogo fantastico popolato da piccoli uomini e piccole donne che come lei possano cavalcare le formiche e dormire dentro a gusci di noce. E sempre da Ketti Grunchi arriva un’altra grande fiaba della tradizione europea in una versione tutta da scoprire: “I TRE PORCELLINI”, che andrà in scena il 5 febbraio. Chiusura in bellezza, il 12 marzo, con “ROSASPINA. STORIA DI UN BACIO” di Ullallà Teatro, che racconta la fiaba della Bella Addormentata attraverso la parola in rima, i video e la danza, grazie ad un terzetto di artisti performativi contemporanei di prim’ordine – Marco D’Agostin Francesca Foscarini, punte di diamante della giovane danza d’autore in Europa, e Matteo Maffesanti, performer e videoartista - tutti provenienti dall’area veneta e attivi a livello internazionale.
 
 


Inizia il 24 ottobre, per svilupparsi con 5 titoli totali, la proposta di spettacoli in matinée per le scuoleFino al 26 ottobre sarà replicata la mostra-spettacolo “IO SONO PINOCCHIO”, mentre il 28 andrà in scena la nuova produzione di Carlo Presotto per La Piccionaia, intitolata “GIROTONDO DEL BOSCO. RACCONTI DI PIUMA, DI PELO E DI FOGLIA”, liberamente ispirato a Mauro Corona, Mario Rigoni Stern, Dino Buzzati e Farid al-Din e realizzato attraverso un percorso laboratoriale con la Scuola Primaria dell’istituto comprensivo di Camposampiero. Il 7 novembretorna “MIGNOLINA”, mentre il 23 gennaio per la Giornata della Memoria andrà in scena “LA BATTAGLIA DEI PEDALI”, sempre di Ketti Grunchi, che racconta ai ragazzi la storia di Gino Bartali, dall’infanzia su e giù per le colline di un piccolo paese della Toscana fino alle grandi vittorie in sella alla sua bicicletta, per svelare poi la sua vittoria più importante: quella per cui è stato dichiarato nel 2013 Giusto tra le Nazioni per aver salvato circa 800 ebrei dalla deportazione nei lager nazisti nascondendo per loro documenti falsi nel telaio della sua bicicletta. Infine, il 26 aprileTeatro Telaio racconterà la “STORIA DI UN BAMBINO E DI UN PINGUINO”:una storia buffa per parlare di mondi sconosciuti che si incontrano, della difficoltà di comunicare e comprendere chi è altro da noi, di un oceano da solcare per far crescere in noi affetto ed amicizia, e così diventare grandi.
 
Ma le attività non finiscono qui. Tra i progetti speciali, per il Premio Camposampiero di Poesia Religiosa andrà in scena il 9 dicembre Lucilla Giagnoni, autrice ed attrice da anni impegnata nell’interpretazione dei testi sacri in dialogo con la poesia e la scienza, con il suo spettacolo “ECCE HOMO”, ispirato alla frase che pronunciò Pilato nel mostrare Gesù alla folla.
 
Prosegue inoltre il “LABORATORIO DI PROGETTAZIONE CULTURALE”, nato da un’idea condivisa con Fondazione Antonveneta e per il quale La Piccionaia sta costruendo una collaborazione con l’Università degli Studi di Padova – CIRN “Giorgio Lago” e la Federazione dei Comuni del Camposampierese. Un progetto innovativo, che si propone di costruire nell’arco di tre anni un percorso di promozione culturale del territorio, attivando il coinvolgimento delle realtà locali e sviluppando un coordinamento tra le azioni delle diverse amministrazioni comunali. Inaugurato la scorsa primavera con “I MIRACOLI DEL NOCE”, il percorso teatrale radioguidato che attraversa le strade di Camposampiero sui passi di Sant’Antonio e che verrà riproposto nel corso della stagione, il laboratorio si concentrerà in questa fase sulla costruzione di una rete di soggetti interessati e sulla mappatura del patrimonio culturale del territorio per attivare un percorso di progettazione condivisa. Obiettivo: giungere la prossima estate alla proposta di azioni performative, eventi itineranti e laboratori, espressione di un distretto culturale che si riconosce in un’identità comune. E, perché no, dare il via a processi che in futuro possano svilupparsi ulteriormente.
  
Biglietti
Per gli spettacoli di Sognando Broadway - Teatro e Musica – Famiglie: prevenditepresso Libreria Costeniero (Via Mogno 44) e Tabaccheria La Torre (Piazza Vittoria 17); biglietti in vendita al botteghino del Teatro a partire da un’ora e mezza prima dell’inizio degli spettacoli. Per Sognando Broadway, biglietto intero € 12, ridotto under 12 € 7. Per Teatro e Musica, intero € 12, ridotto gruppi e convenzioni € 10, under 20 € 7. Ferrari Card: 5 spettacoli a scelta libera a € 50.
Per gli spettacoli Famiglie, biglietto unico € 4, promozione Porta il nonno a teatro: un nonno e due nipoti € 10. Per gli spettacoli Scuole, biglietto unico € 4 su prenotazione.
 
Informazioni per il pubblico e prenotazioni
telefono 366 6502085
mail info@teatroferrari.it
www.teatroferrari.it



Evento visitato 1160 volte, inserito il 18/10/2016 da Utente Registrato


Commenti

Cerca Eventi

Seguici su Facebook