Friuli, è il momento di investire nel mattone


Postato da: Utente Registrato il 15-11-2016. Visto 129 volte.
Prezzi al minimo, costi del mutuo convenienti e bonus della Regione: in Friuli è il momento di tentare l’affare e investire nel mattone. E i dati confermano che il mercato immobiliare regionale è in ripresa, così come nel resto d’Italia.
Più 15,4 per cento. È questo, secondo le stime della Federazione italiana agenti immobiliari professionali della regione Friuli, il dato record che dovrebbe toccare il numero di compravendite di immobili nel settore residenziale della nostra regione, grazie a incrementi a due cifre in tutte le province, con Trieste a fare da capofila.
Mercato immobiliare in fermento. D’altronde, non è solo l’ottimismo a far “pensare positivo”: anche i dati certificati sulle compravendite sul territorio regionale nei due primi trimestri del 2016 testimoniano una inversione di tendenza con il passato e il ritorno del “boom” degli investimenti sul mattone, che registrano aumenti record rispetto agli stessi periodi dell`anno scorso in tutte le differenti tipologie: il residenziale sale a ritmi del 20 per cento in più, ma anche il commerciale, il terziario (ovvero gli uffici) e capannoni e immobili destinati alla produzione mostrano una curva in netta ripresa.
Gli esperti: quadro positivo per il mattone in Friuli. Secondo gli esperti, dunque, questo è il momento di investire sulla casa, perché acquistare un`abitazione oggi in Friuli è quanto mai conveniente, grazie alla combinazione particolare di tre fattori. Innanzitutto, il mercato dovrebbe ricevere una spinta positiva dalle politiche abitative della Regione, che ha annunciato bonus, agevolazioni e garanzie per chi vuole metter su casa, specialmente per tante giovani coppie, con un nuovo impulso al credito; inoltre, i prezzi al metro quadro hanno toccato i minimi storici, e non è ipotizzabile immaginare che restino tali ancora a lungo.
Mutui più facili e convenienti. Il terzo, e forse più forte elemento che può spingere a orientarsi sul mattone, è la situazione positiva che si presenta a chi chiede di accendere un mutuo per l’acquisto di una casa: non solo, infatti, banche e istituti di credito si dimostrano molto più aperti rispetto al passato a erogare credito, ma ci sono anche convenienze oggettive sul fronte dei costi. Come è possibile visualizzare sul sito FissoVariabile, preciso e affidabile punto di riferimento per tutte le notizie e le informazioni su risparmio e investimenti, i tassi di riferimento per i mutui a tasso fisso e quelli a tasso variabile sono incredibilmente bassi, e in particolare è il tasso Euribor oggi che si trova ai minimi storici, condizionando positivamente i mercati.
Friuli, record di case sfitte. Insomma, è il momento giusto per cercare l’affare nel mattone in Friuli Venezia Giulia. Anche perché, come rivelato da una recente ricerca, proprio in regione si segnala uno dei più alti valori nei numeri delle abitazioni vuote in Italia: ce ne sono addirittura una su quattro, con Udine che è la provincia più colpita da questo problema. Tra le cause vengono citati il sovradimensionamento degli alloggi rispetto alle esigenze, ma anche le difficoltà nel trovare inquilini.
Non solo acquisto. Un ulteriore fattore che potrebbe incentivare l’acquisto di una nuova casa, aggiungendosi a quanto detto prima su prezzi bassi, migliori possibilità di accedere ai mutui e politiche della Regione. Ma le opportunità di trarre vantaggio dalla situazione ci sono anche per quanti cercano l`investimento da portare a reddito: nonostante una imposizione fiscale ancora eccessiva, con la cedolare secca fissata al 10 per cento, la redditività lorda per un affitto si attesta infatti attorno al 3,5-4 per cento. Valori che, se confrontati con quelli di altri prodotti finanziari (a partire dallo “zero virgola” dei Bot o dai tassi in alcuni casi addirittura negativi dei depositi su conto corrente) possono davvero far propendere per un investimento in questa direzione.



Inserito in : varie,

Commenti