La Regione Veneto avvia l’edizione 2018 del Programma di prevenzione degli incidenti domestici


Postato da: Utente Registrato il 07-11-2018. Visto 46 volte.
Aiuto sono in casa in tour - Tappa anche a Vicenza, Bassano del Grappa, da venerdì 9 a domenica 11 novembre


Nella propria casa, si sa, ci si sente al sicuro, ed è proprio questo il problema: la convinzione radicata nella maggior parte delle persone che la casa sia il luogo più sicuro in cui stare, porta a sottovalutare i rischi legati alla vita domestica.L`abitudine e la ripetitività dei gesti quotidiani determinano una sensazione di falsa sicurezza o una riduzione della soglia di attenzione o di guardia rispetto ad azioni potenzialmente pericolose o a situazioni in atto (per esempio caratteristiche della casa e in particolare degli impianti) che non rispettano gli standard di sicurezza. 
Nel nostro Paese, ogni anno, circa ottomila persone perdono la vita in seguito ad un incidente domestico, più del doppio rispetto ai morti per incidenti stradali. La maggior parte di tali eventi è però prevedibile ed evitabile mediante l`adozione di comportamenti adeguati e di modifiche, talora anche piccole, degli ambienti di vita per renderli più sicuri.
Per questo, il Piano Regionale Prevenzione 2014-2019 prevede uno specifico Programma di Prevenzione degli Incidenti Domestici, con il coinvolgimento di tutte le AULSS venete. L’obiettivo di Aiuto sono in casa - Preveniamo gli incidenti domestici è quello di sensibilizzare la comunità, a partire dai più piccoli, promuovendo una cultura radicata sulla sicurezza, che abbia come conseguenza l’adozione di comportamenti e accorgimenti finalizzati a prevenire gli incidenti in casa, attraverso apposite attività ludiche ed educative.
 Poiché gli incidenti domestici hanno conseguenze più gravi in termini di mortalità e di invalidità permanente quando accadono ai bambini in età prescolare e agli anziani, il Programma della Regione del Veneto prevede la realizzazione sul territorio di progetti appositamente studiati per queste due fasce d’età, ma che evidentemente coinvolgono l’intera comunità, le famiglie, gli operatori, coloro che di anziani e bambini si prendono cura.
 Il Programma prevede  quindi 4  piani di intervento, verso gli operatori sanitari e coloro che si occupano delle fasce più a rischio, verso gli insegnanti delle scuole dell’infanzia, verso i grandi adulti   e verso i neo genitori, e trova un suo sportello informativo permanente nel sito www.aiutosonoincasa.com.


OCCHI PUNTATI SU ANZIANI E BAMBINI, MA LA SICUREZZA DOMESTICA CI RIGUARDA TUTTI - AIUTO SONO IN CASA IN TOUR ANCHE A VICENZA


Il tipo di incidente più frequente è la caduta; seguono i casi di urto o schiacciamento e di ustione, sono invece residuali gli incidenti causati da altro tipo di dinamica (come il soffocamento o l’avvelenamento) (Fonte: Rapporto Istat sugli incidenti domestici 2014).
Secondo l’Indagine Multiscopo sulle famiglie “Aspetti della vita quotidiana” condotta dall’Istituto Nazionale di Statistica nel 2016 e nei 3 mesi precedenti l’intervista, 694 mila persone (pari all’11,5 per 1.000 della popolazione) hanno avuto un incidente nella propria abitazione. Su questa base si può stimare che, nell’arco di 12 mesi, il fenomeno abbia coinvolto 2 milioni e 776 mila persone circa, cioè 46 individui ogni 1.000.
Dopo il successo dello scorso anno, viene riproposto il progetto itinerante perché porta il tema “sicurezza in casa” tra la gente, nei luoghi che persone di ogni età frequentano abitualmente.  L’iniziativa è organizzata nell`ambito delle attività programmate nel 2018 dal Piano Regionale Prevenzione 2014-2019 (DGR n.792 del 08/06/2018) - Programma Prevenzione incidenti domestici, con il coinvolgimento di tutte le AULSS venete.
 Dice la dott.ssa Annacatia Miola, Dipartimento di Prevenzione AULSS 7 Pedemontana: Il nostro Dipartimento aderisce al progetto regionale e ha svolto in questi anni diverse attività di studio e prevenzione sugli incidenti domestici. L’elevato numero di accessi al Pronto Soccorso per incidenti domestici ci ha indotto ad approfondire l’analisi dei diversi aspetti di questo fenomeno. Sappiamo ad esempio che il rischio di infortunio domestico viene considerato basso o assente da una altissima percentuale di cittadini; tuttavia, chi ha ricevuto corrette informazioni ha cambiato i propri comportamenti o ha adottato misure preventive. La conoscenza è quindi fondamentale per limitare sempre di più il numero di incidenti, che oggi purtroppo è ancora molto alto. Il nostro impegno in questo campo è costante e crediamo che sia necessario non abbassare mai la guardia. Solo così possiamo radicare una diffusa cultura della sicurezza domestica.
Un progetto itinerante perché porta il tema “sicurezza in casa” tra la gente, nei luoghi che persone di ogni età frequentano abitualmente.  La conoscenza e l’informazione rappresentano infatti strumenti decisivi per diffondere una cultura della sicurezza, per aumentare il livello di consapevolezza e attenzione verso questo tema.
Il Programma di prevenzione degli incidenti domestici della Regione Veneto va proprio in questa direzione e l’attività 2018 si concentra sul portare la sicurezza domestica all’interno delle comunità, coinvolgendo tutte le realtà attive in ognuna delle 7 province. Sono previsti spazi informativi, appuntamenti dedicati a bambini e ragazzi per coinvolgerli  attivamente attraverso il gioco, anche con il contributo della mascotte AFFY, e attraverso attività educativo/didattiche, aree riservate agli adulti con incontri gestiti da Azienda Sanitaria, associazioni attive sul territorio, Forze dell’ordine, ecc…
 Da venerdì 9 a domenica 11 novembre la sicurezza sarà di casa a VICENZA presso Il Grifone Shopping Center di Bassano del Grappa.
 Per informazioni: https://www.facebook.com/aiutosonoincasa/ e www.aiutosonoincasa.com



Inserito in : eventi, salute, sicurezza, varie,

Commenti