CORONAVIRUS
Verificate con gli organizzatori le date e le modalità di svolgimento degli eventi.

Lo staff di venetoedintorni non è responsabile nel caso in cui alcuni eventi vengano annullati senza avviso in questo sito

Codice Arcaico di Rodolfo Lepre


Tipologia:

Mostra

Quando:

Dal 06 Giugno 2015 al 05 Luglio 2015

Dove:

Vicenza in provincia di VICENZA

Descrizione:

Dal 06 Giugno al 05 Luglio

Inaugurazione: Sabato 6 Giugno, ore 18.00


C.trà Porton del Luzzo, 16, VICENZA – www.galleriaberga.it - info@galleriaberga.it

Orari: Dal martedì al sabato, 16.30 – 19.30


Galleria Berga è lieta di comunicare che Sabato 6 Giugno 2015 verrà inaugurata la mostra

"Codice Arcaico" dell`artista friulano Rodolfo Lepre. Con la presentazione del critico e curatore della mostra Giancarlo Bonomo, sarà possibile avvicinarsi alla creatività di un`arte che affonda le sue radici in un`architettura antica, quella dell`antica Roma.

La suggestiva cornice del Teatro Romano che ospita la Galleria Berga appare come la naturale collocazione di questa collezione, creata da un architetto nato e formatosi ad Aquileia, un luogo noto per le importanti testimonianze archeologiche risalenti alla Roma Augustea.



Rodolfo Lepre - Friuli


L`artista comincia la sua esperienza da architetto. Fin da giovanissimo si scopre attratto dalle arti figurative, in seguito, tuttavia, sente l`esigenza di esprimersi attraverso altri mezzi, più adatti a contenere la sua emotività. Si rivolge quindi al colore, prima, affiancandolo poi a materiali e lavorazioni che richiamano inequivocabilmente il mondo dell`architettura e della costruzione: cementi, gessi, colle, stucchi, sabbie, intonaci, acrilici, ossidi, sono solo alcune delle componenti sostanziali che Lepre utilizza nelle sue opere, cui regala una nuova fierezza, libera dalle connotazioni quasi `industriali` che questi elementi originariamente si portano dietro.


La materia non viene più intesa come "mezzo", è invece glorificata e diventa soggetto stesso dell`opera, slegata definitivamente da un ruolo che generalmente le viene attribuito a priori dallo spettatore, che, spiazzato, viene invitato a cogliere nuovi legami tra forma e sostanza.


"L’opera non più rappresentazione del reale, ma essa stessa è realtà, non dimostrazione di generica abilità, ma pura e sola concretizzazione di una breve emozione, di uno stato d’essere: traccia esistenziale; mediazione tra l’uomo ed il suo spirito, sacro ed immortale." - Rodolo Lepre.





Evento visitato 764 volte, inserito il 29/05/2015 da Utente Registrato


Commenti

Cerca Eventi

Seguici su Facebook