CORONAVIRUS
Verificate con gli organizzatori le date e le modalità di svolgimento degli eventi.

Lo staff di venetoedintorni non è responsabile nel caso in cui alcuni eventi vengano annullati senza avviso in questo sito

FORMATO LIBeRO Il libro d’artista da Joseph Beuys a Maurizio Cattelan.


Tipologia:

Mostra

Quando:

Dal 01 Settembre 2016 al 30 Settembre 2016

Dove:

ADRIA in provincia di ROVIGO

Descrizione:

In mostra al Museo MAAD, dal primo di settembre sino alla fine del mese, una selezione di libri d’artista a cura di Tobia Donà provenienti dalla collezione Danilo Montanari, per la maggior parte eseguiti fra gli anni ’60 ad oggi. L’esposizione documenta la storia di questo genere di pubblicazioni attraverso un consistente numero di esemplari significativi e molto rari, tutti pensati, progettati e firmati dagli artisti e spesso contenenti manufatti originali. Vi sono opere di Lucio Fontana realizzate nel 1958 e di Alighiero Boetti del 1986 entrambe con interventi originali. La mostra documenta inoltre il lungo sodalizio tra Danilo Montanari e l’artista Giulio Paolini, dal 1985 ad oggi. Danilo Montanari è editore dal 1980 ed ha pubblicato oltre 700 volumi, in gran parte di arte contemporanea, con particolare attenzione ai libri d`artista. Tra questi le prime edizioni di Maurizio Cattelan. Il libro d’artista è un oggetto che nasce dal progetto di un artista visivo non per illustrarne l’opera, come potrebbe fare un catalogo, ma come “opera” stessa. La loro nascita viene fatta risalire al 1954, quando Yves Klein fece pubblicare a Madrid un testo/opera già precocemente concettuale. Nel 1963, Ed Ruscha, artista statunitense da poco entrato nella corrente Pop, diede alle stampe Twentysix Gasoline Stations. Si trattava di un testo che raccoglieva la pubblicazione di 26 fotografie in bianco e nero di altrettante stazioni di rifornimento, sparse per gli Stati Uniti. Privi di presentazioni e testi critici i libri d`artista sono pensati come un’opera d’arte in sé e sono pubblicati in tiratura limitata. Spesso sono esemplari unici fatti a mano. Il riferimento a queste date fra la metà degli anni ’50 e l’inizio del decennio successivo è importante, perché rimanda a un preciso contesto culturale, sorto insieme al fenomeno delle neo-Avanguardie costituite da gruppi di artisti e movimenti che sperimentano vari linguaggi nel tentativo di garantirsi un’assoluta libertà di espressione. Il libro d’artista trova così una posizione nobile nel panorama dell’arte concettuale degli anni ’70 per la sua duttilità percettiva, l’essere fra opera visiva e lettura, fra oggetto e opera.
La mostra è a ingresso libero è l’inaugurazione, aperta al pubblico, si terrà il primo di settembre alle ore 18.oo.



Evento visitato 603 volte, inserito il 30/08/2016 da Anonimo


Commenti

Cerca Eventi

Seguici su Facebook

I consigli di Veneto e Dintorni Rovigo