CORONAVIRUS
Verificate con gli organizzatori le date e le modalità di svolgimento degli eventi.

Lo staff di venetoedintorni non è responsabile nel caso in cui alcuni eventi vengano annullati senza avviso in questo sito

MOSTRA PERSONALE DI CORRADO ZANI


Tipologia:

Mostra

Quando:

Dal 24 Settembre 2016 al 23 Ottobre 2016

Dove:

LOREO - RIVIERA MARCONI N.76 in provincia di ROVIGO

Descrizione:

MOSTRA PERSONALE DI CORRADO ZANI
a cura di Linda Ferrari
Spazio Espositivo Cavalli/ Associazione Officina D’arte Loreo
Loreo – Riviera Guglielmo Marconi, 76
24 settembre 2016- 23 ottobre 2016
 
Sabato 24 Settembre ore 18.00 l’Associazione Officina d’arte Loreo presenta presso lo Spazio Espositivo Cavalli – Loreo (Ro) l’inaugurazione della mostra personale del maestro Corrado Zani, nato a Porcia (Pordenone) il 22 marzo 1952. Dopo la maturità tecnica svolge svariati lavori prima di dedicarsi esclusivamente alla pittura. Nel 1986 ha luogo la sua prima mostra personale a Pordenone. Da allora la sua pittura si è evoluta verso stilemi più sintetici pur mantenendo forti connotazioni simboliche. La definitiva consacrazione si ha nel 1998: è invitato a partecipare a una personale dal grande Marco Goldin, a Casa Dei Carraresi a Treviso, location espositiva internazionale di grande spessore. Successivamente collabora con la galleria d’arte Vecchiato e con Telemarket per oltre un decennio.
Sulla sua pittura hanno scritto: Ugo Perniola, Giuseppe Mariuz, Mariangela Modolo, Gianfranco Macaone, Enzo Santese, Tiziana Sgubin, Paolo Rizzi, Marco Golden, Annamaria Sandonà.
Quello che potrete vedere in questa mostra antologica del maestro, sono una serie di dipinti a cui l’artista ha dedicato l’ultimo periodo. Sono dipinti introspettivi e inconsci. Per decisione dell’artista la mostra e i quadri esposti sono senza titolo per dare allo spettatore la possibilità di interpretarli secondo la propria visione, esprimendo le sensazioni che l’opera stessa gli può donare.
Dal testo critico di Linda Ferrari … “L’artista usa le sue emozioni più profonde dettate dalla società contemporanea per tradurle in visioni eterogenee impresse nella tela con tratti forti e marcati. La sua è una evidente intollerabilità verso il mondo di oggi, verso una società in cui la luce è difficile da intravedere. La tavolozza infatti si fa sempre più scura, i colori neri sono predominanti, il grigio viene usato in tutte le sue sfumature, ciò permette all’artista di trasporre la sua denuncia verso la società odierna, “pittore di protesta”, come ama definirsi, tra i temi ricorrenti vi sono la natura violata, lo sfruttamento e l’umiliazione degli animali, i turbamenti e la solitudine dell’uomo contemporaneo, e dunque una difficile ricerca di una luce di speranza, spesso unica pennellata di colore tra il nero prevalente delle sue più recenti raffigurazioni."



Evento visitato 698 volte, inserito il 22/09/2016 da Anonimo


Commenti

Cerca Eventi

Seguici su Facebook