CORONAVIRUS
Verificate con gli organizzatori le date e le modalità di svolgimento degli eventi.

Lo staff di venetoedintorni non è responsabile nel caso in cui alcuni eventi vengano annullati senza avviso in questo sito

Passato, presente e futuro di Sarajevo crocevia tra Oriente e Occidente


Tipologia:

Congresso Seminario

Quando:

09 Dicembre 2014

Dove:

Treviso in provincia di TREVISO

Descrizione:

Martedì 9 dicembre alle ore 20.30, nell’auditorium degli spazi Bomben di Treviso,

il generale Jovan Divjak terrà una conferenza su Passato, presente e futuro di Sarajevo, crocevia tra Oriente e Occidente, nell’ambito della campagna culturale del Premio Internazionale Carlo Scarpa per il Giardino 2014 per Osmace e Brežani, villaggi sull’altopiano sopra Srebrenica, in Bosnia-Erzegovina, e delle iniziative pubbliche dedicate ad approfondimenti di conoscenza sulla storia, la cultura e l’arte bosniaca in occasione della mostra Safet Zec. La pittura come miniera. Dipinti, incisioni, disegni 1970-2010 (aperta in Fondazione da domenica 16 novembre 2014 a domenica 15 febbraio 2015). L’incontro sarà introdotto da Domenico Luciani.

 

Jovan Divjak (nato a Belgrado nel 1937) era un colonnello serbo quando, nel 1992, decise di lasciare l’Esercito Jugoslavo e di aderire a quello bosniaco per difendere la “sua” Bosnia-Erzegovina dall’aggressione esterna. Per Jovan Divjak disertare le truppe jugoslave per difendere la sua terra di adozione contro i nazionalismi e gli integralismi era l’unica cosa giusta da fare. Nominato generale e numero due dello Stato maggiore bosniaco durante la guerra del 1992-1995, fu uno dei protagonisti della resistenza di Sarajevo bombardata e assediata dalle milizie dirette dal generale Ratko Mladić. Anziché cercare la “serbità” e seguire il “richiamo del sangue” scelse l’appartenenza, il genius loci, l’amore per la sua città. L’impegno civile di Jovan Divjak, al servizio di ideali europeisti di convivenza e coesistenza pacifica, di riconciliazione e fratellanza, in opposizione alle sirene dei nazionalismi e continuando a credere in una Bosnia plurale dove diverse comunità condividano lo stesso futuro, prosegue oggi, in particolare attraverso l’associazione Obrazovanje gradi BiH/L’istruzione costruisce la Bosnia-Erzegovina, da lui fondata nel 1994 per aiutare gli orfani di guerra, ed emerge con forza nelle pagine di Sarajevo, mon amour, libro pubblicato nel 2004 in Francia e poi tradotto ed edito in Italia nel 2007 da Infinito Edizioni (Jovan Divjak intervistato da Florence La Bruyère, con prefazione di Paolo Rumiz e traduzione di Gianluca Paciucci, terza ristampa 2012).

 

Jovan Divjak incontrerà a Treviso anche numerose classi di studenti delle scuole secondarie cittadine, in particolare del Liceo Ginnasio Statale Antonio Canova, dell’Istituto Tecnico Economico Statale Riccati-Luzzatti e del Liceo Statale Duca degli Abruzzi, nell’ambito del progetto per le scuole “Fai la cosa giusta”, dedicato a diritti umani, giustizia e scelte personali, in collaborazione con l’associazione culturale Siamo Treviso e con Amnesty International.

Parteciperanno alla conferenza e agli incontri nelle scuole anche Andrea Rizza Goldstein (Fondazione Alexander Langer, Bolzano) e Patrizia Boschiero (Fondazione Benetton Studi Ricerche, coordinamento Premio Carlo Scarpa).

 

Per informazioni:

Fondazione Benetton Studi Ricerche, tel. 0422.5121, fbsr@fbsr.it, www.fbsr.it.




Evento visitato 628 volte, inserito il 04/12/2014 da Anonimo


Commenti

Cerca Eventi

Seguici su Facebook